Storia

La casa-torre denominata "Antica Torre Tornabuoni 1" fu costruita nella metà del XIII secolo dalla Famiglia guelfa dei Ruggerini e da essi passò alla famiglia dei Fastelli o Pietrobono e nei primi del 1300 fu acquistata dai Gianfigliazzi e fu loro residenza fino alla fine del 1700. Essa sorge all'inizio di Via de' Tornabuoni subito oltre il ponte di Santa Trinita a fianco dell'omonima Chiesa.

Il nome della famiglia Gianfigliazzi deriva da un certo Giovanni figlio di Galeazzo che fu trasformato in Gian figlio d'Azzo che può essere considerato il capostipite del casato.

I Gianfigliazzi non ebbero cariche nella repubblica fiorentina perchè considerati Magnati e perchè erano di tendenza guelfa ma, a seguito della battaglia di Benevento che segnò il tracollo dei ghibellini, e con la cacciata del Duca di Atene da Firenze alla quale contribuirono validamente, i Gianfigliazzi ebbero onori e cariche.

Fino all'anno 1530 la famiglia ebbe trenta priori e dieci Gonfalonieri,diversi cavalieri a speron d'oro, commissari in guerra e ambasciatori. Costruirono case, logge e torri nel quartiere di Santa Trinita e sembra che fosse anche proprietari delle case attorno alla chiesa. La famiglia de' Gianfigliazzi si estinse nel 1764 con il Canonico Rinaldo di Lodovico.

Dall'inizio del '900 e fino alla seconda guerra mondiale, gli aristocratici e letterati inglesi, affascinati da Firenze, elessero i locali dell'Antico Torre Tornabuoni come loro residenza preferita.

Dagli inizi del '900 il palazzo fu sede della "Pensione Piccioli", divenendo ben presto residenza privilegiata di aristocratici e letterati inglesi. Chiusa dopo la Grande Guerra, la Pensione Piccioli riaprì nel 2001, come Residenza d'Epoca con la denominazione di "Antica Torre di Via Tornabuoni 1", a cui fece seguito, nel 2008, la Residenza d'Epoca "Palazzo Gianfigliazzi di Via Tornabuoni 1": grazie alle attente ristrutturazioni, che ne hanno salvaguardato tutto il fascino originario, gli ambienti suggestivi del palazzo di Via Tornabuoni hanno ripreso vita e calore. Il magnifico complesso è considerato una delle "case torri" tipiche della Firenze medievale e ne conserva ancora oggi gli elementi architettonici caratteristici: è un mirabile esempio di come l'uomo sia in grado di convertire edifici creati per scopi bellici in oasi di pace, cultura e ospitalità.

L'edificio si sviluppa su quattro piani con tre aperture, su ogni piano. La facciata su strada annovera la presenza di mensole e buche pontaie, a riporto degli elementi caratteristici delle Torri, ed è divisa in tre parti mediante due marcapiani. Questa geometria architettonica richiama la facciata della torre de' Compiobbesi e si addice più ad un palazzo che ad una Torre. Il prospetto termina con un aggetto costruito con beccatelli che prolungano in avanti il camminamento soprastante, recintato da merli di forma guelfa fatti più per decoro che per necessità. Accanto alle finestre sono murate le mensole di ferro che, come si è detto, servivano per il sostegno di drappi e bandiere esposte nelle festività e ricorrenze importanti.

L’Antica Torre di via Tornabuoni 1 non è  un normale hotel e neppure un boutique hotel ma una Residenza d’Epoca in cui  il piacere personale del ricevere, il desiderio di reinterpretare il concetto di ospitalità, l’intuizione di offrire in ogni dettaglio il calore “della casa” si declina col desiderio degli ospiti  di rivivere non da spettatore ma da vero protagonista un momento autentico della storia.

Check in:
select date
Check out:
select date
Adulti: