×
calcio fiorentino

La forza e la tradizione del fiorentino nelle finali del Calcio Storico

Un mix di calcio, rugby e wrestling, con 27 giocatori per lato, in lotta per la vittoria. Questo è ciò che è la partita finale del Calcio Storico Fiorentino. Il 24 giugno, quando Firenze celebra il suo patrono, San Giovanni, Piazza Santa Croce sarà il campo di questa battaglia, la cui tradizione, forza e orgoglio non sono stati cancellati dai tempi moderni.

In effetti, essere tra il pubblico di questo grande evento è come fare un viaggio indietro nel tempo, più precisamente nel XVI secolo, quando tutto ebbe inizio. A quel tempo, il calcio era praticato a Firenze da tutti: ricchi, poveri, giovani e vecchi. Ma il gioco più famoso, passato ai titoli per il momento storico critico in cui si è verificato, è stato giocato il 17 febbraio 1530 durante l’assedio di Firenze e si chiamava Il Calcio in Livrea.

Continuò a svolgersi senza interruzione fino al XVIII secolo, quando le partite, almeno quelle “organizzate”, caddero in disuso. L’ultima competizione ufficiale ebbe luogo in Piazza Santa Croce nel gennaio del 1739 e riapparve solo nel 1930.

Uno spettacolo affascinante

L’evento inizia prima della partita, verso le 16h, quando una parata multicolore, composta da più di 500 personaggi, lascia Piazza Santa Maria Novella e si fa strada attraverso il centro della città per arrivare in Piazza Santa Croce. I costumi d’epoca sono incredibilmente realistici: divise del 16 ° secolo di nobili fiorentini (scelti tra i discendenti delle famiglie storiche della città) e dei fanti, con armi e bandiere. Ogni dettaglio è ben pensato per riportarci al Rinascimento. E funziona!

Quando inizia il gioco, i 54 “calcianti” (27 per parte) uniti nello spirito di squadra combattono insieme per la vittoria. E che lotta! Per raggiungere l’obiettivo di segnare il maggior numero di “caccia” in 50 minuti di partita, i giocatori corrono, lanciano la palla e letteralmente combattono con i loro avversari in un gioco di corpi che ricorda le lotte dei gladiatori romani. Uno spettacolo di forza e agilità. Un po’ violento, è vero, ma comunque meraviglioso.

Capisca il gioco

Ci sono solo quattro squadre in calcio storico: Santa Croce (blu), Santo Spirito (bianchi), Santa Maria Novella (rossi) e San Giovanni (verdi). I due vincitori delle semifinali si sfidano l’uno contro l’altro il 24 giugno alle 17h.

Solo 3 Regole del Gioco:

  • Per ogni “caccia” (goal) segnata, il tiro delle colubrine sancisce il punto per l’una o l’altra squadra. Solo allora, il campo è invertito.
  • Alla fine, dopo 50 minuti, la formazione vincente riceve un vitello bianco, che è stato ritirato festosamente dai giocatori.
  • Dopo la consegna del premio, la parata ristabilisce la formazione iniziale e sfila imponenti.

Comments (2)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*