×
monalisa

Trova la vera Monna Lisa, nata e cresciuta a Firenze

Monna Lisa, La Gioconda capolavoro di Leonardo da Vinci, era una persona reale. E non stiamo parlando di un autoritratto dell’artista, come potresti pensare. Monna Lisa era una vera donna fiorentina, nata e cresciuta a Firenze sotto il nome di Lisa Gherardini. Per conoscere tutti i dettagli di questa incredibile storia, abbiamo parlato con l’autrice del libro Mona Lisa, A Life Discovered, Dianne Hales, che ci ha rilasciato questa intervista esclusiva – ed ha anche preparato un walking tour per che tu possa seguire i passi di Mona Lisa a Firenze.

1- Come ti sei interessata all’Italia e, in particolare, alla Gioconda?

Molti anni fa sono venuta in Svizzera per fare un discorso e, d’impulso, ho deciso di prendere un treno per l’Italia. L’unico italiano che conoscevo era: “Mi dispiace. Non parlo l’italiano.” Ero incantata da tutto ciò che vedevo, ma volevo davvero comunicarmi con gli italiani che stavano chiacchierando intorno a me. Tornata negli Stati Uniti, ho iniziato a studiare italiano. Mio marito ed io abbiamo iniziato a venire in Italia una volta all’anno in vacanza e, mentre facevamo amicizia con gli italiani, ho continuato a lavorare di più per diventare più fluente.

La mia infatuazione linguistica alla fine ha ispirato un libro: La Bella Lingua, My Love Affair with Italian, la lingua più incantevole del mondo. Attraverso amici italiani e amici di amici, sono rimasta affascinata dalla vera donna immortalata da Leonardo nella sua Monna Lisa. Nel corso di diversi anni ho camminato per le strade di Firenze, dove lei ha vissuto, mi sono inginocchiata nella cappella in cui ha pregato, mi sono avventurata nel convento da lungo abbandonato dove è morta e ho scritto Mona Lisa: A Life Discovered.

2- Quasi nessuno sa che la Gioconda è veramente esistita e ancora meno che lei ha vissuto a Firenze. Secondo molte persone, Mona Lisa è un autoritratto di Leonardo Da Vinci. Cosa ti ha portato ad andare in un’altra direzione?

Quando ero a Firenze alla ricerca per La Bella Lingua, ho letto articoli di giornali circa la scoperta di documenti d’archivio della famiglia di Lisa Gherardini, la donna reale a La Gioconda (la Mona Lisa). Attraverso un amico di famiglia, ho incontrato il ricercatore, Giuseppe Pallanti, che ha condiviso le sue scoperte e mi ha dato una mappa della città e segnato con un X i luoghi in cui Lisa aveva vissuto. Durante lunghi soggiorni a Firenze, ho tracciato la vita di Mona Lisa visitando palazzi in cui ha vissuto da bambina, adolescente, e più tarde come la moglie del commerciante; le chiese dove lei adorava, i conventi in cui vivevano le sue figlie – e Lisa stessa, nei suoi anni finale. Il consenso tra gli storici dell’arte è che Lisa Gherardini è stata davvero la musa e il modello di Leonardo. Lo storico dell’arte Giorgio Vasari identificò il soggetto di Leonardo nelle sue “Vite degli artisti”, pubblicato quando i figli di Lisa e alcuni dei contemporanei di Leonardo erano ancora vivi e avrebbero potuto contestare qualsiasi errore di identificazione. La speculazione di altri possibili modelli è dilagata nel corso dei secoli, ma nel 2006 un archivista ha scoperto una nota marginale in un libro che commentava il lavoro di Leonardo sul suo ritratto e datato “Ottobre 1502”. Tutto ciò che riguarda questa identificazione ha tenuto duro controllo.

3- Quali sono state le tue principali scoperte su Mona Lisa? Cosa ti ha sorpreso di più?

Con una mappa increspata in mano, ho tracciato la vita di Mona Lisa letteralmente, passo dopo passo, iniziando nel buio e umido vicolo in cui è nata nel 1479. Ho seguito la strada che avrebbe portato la sposa nel 1495 alla casa della famiglia di suo marito. Sono ritornata spesso nella strada dove lei ha dato alla luce sei bambini e alla chiesa dove adorava. Tristemente ho visto l’ex convento fatiscente in cui Mona Lisa morì e fu sepolta ai 63 anni nel 1542.

Ma le rivelazioni più sorprendenti riguardavano la vita delle donne del Rinascimento – dall’infanzia all’adolescenza (quando la maggior parte si sposava in matrimoni combinati) alla vita quotidiana delle mogli e delle madri. Le donne fiorentine non erano “liberate” nel nostro senso della parola, ma erano forti. Non sono tenuti solo a metà strada, ma sono serviti come la colla che teneva insieme tutti gli aspetti della società fiorentina. La donna che Leonardo immortalò non fu una vittima ma una donna completamente dimensionale, sicura di sé, intelligente, intrigante, in carne e ossa.

E ‘stato anche un vero piacere incontrare le principesse Natalia e Irina Guicciardini Strozzi, la quindicesima generazione dei nipoti di Monna Lisa (dalla parte dei loro padri), che discendeva anche da alcune delle più importanti famiglie nobiliari di Firenze. Ho visto alcune somiglianze, sia attorno agli occhi che nella curva della loro mascella. Tuttavia, ciò che mi ha colpito di più sono stati il loro spirito e personalità.

Natalia, la ballerina diventata attrice, è più estroversa e spumeggiante; la sorella minore, Irina, è più riservata. Ma entrambi trasudano tanta gentilezza, calore e fascino che ho dovuto chiedermi – anche se forse non lo sapremo mai – se la Gioconda potrebbe aver condiviso la loro esuberanza. Entrambe le principesse Strozzi hanno enormi sorrisi megawatt, l’opposto del sorriso sottile di Mona Lisa. Ma il loro padre regale, il principe Girolamo Guicciardini Strozzi, sorride davvero come La Gioconda. Lo so: l’ho visto quando gli ho presentato una copia del mio libro sulla sua famosa antenata.

4- E quali notizie possiamo aspettarci riguardo al tuo lavoro? C’è un nuovo libro sulla strada?
Ho appena completato il manoscritto per LA PASSIONE: Come l’Italia ha sedotto il mondo, che sarà pubblicato nell’aprile 2019, da Crown, una divisione di Penguin Random House. La vedo come una combinazione gioiosa di storia, diari di viaggio, memorie e lettera d’amore all’Italia – una cultura, piuttosto che un semplice paese, che ha trasformato l’arte e l’architettura, la lingua e la musica, il cibo e la moda.

Ora che conosci un po’ di più su chi era la Monna Lisa, Diane Halles ti invita a viaggiare nel tempo nella città in cui Lisa Gherardini è cresciuta, sposata, ha avuto figli, ispirato un genio e sopravvissuto ad alcuni dei più tumultuosi decenni della storia di Firenze. Goditi a esplorare Firenze in un modo completamente nuovo: attraverso gli occhi di Mona Lisa.

MONNA LISA Walking Tourmonalisa walking tour

  1. Via Sguazza
    Anche se i Gherardini una volta fossero tra i più potenti clan toscani, nel XV secolo, la famiglia di Lisa aveva perso la sua ricchezza e il suo prestigio. La casa migliore che suo padre Antonmaria Gherardini poteva permettersi di affittare era un negozio di lana trasformato su una stradina nell’Oltrarno. Una lapide e un rilievo scultoreo di Lisa Gherardini segnano il suo luogo di nascita vicino all’incrocio della strada con Via Maggio
  1. Battistero di San Giovanni
    Antonmaria Gherardini, le cui prime due mogli morirono di parto, accolse la sua prima figlia nel mondo il 15 giugno 1479. Portata attraverso le porte luccicanti del Ghiberti, Lisa fu battezzata sotto il celestiale soffitto dipinto d’oro, ricoperta di mosaici di vetro per formare un’immagine enorme di Cristo Re e Giudice.
  1. Via de’ Pepi
    Nel 1494, i nonni materni di Lisa fecero in modo che la sua famiglia si trasferisse nel palazzo di un ricco vedovo che viveva dietro l’angolo della loro casa di Via Ghibellina, in Via de ‘Buonfanti (ora Via de’ Pepi). Li, nel marzo del 1495, in una cerimonia strettamente civile, la quindicenne Lisa scambiò i voti nuziali con il 29enne Francesco del Giocondo, un ricco mercante e vedovo.
  1. Via della Stufa
    Gli sposi si stabilirono nella casa di famiglia del Giocondo in Via della Stufa, al largo di Piazza San Lorenzo. Alla fine, Francesco acquistò una casa (che si crede fosse la #23) adiacente alla sua casa d’infanzia per la sua famiglia in crescita. Lisa ha dato alla luce sei bambini – tre maschi e tre femmine – ma due non sono sopravvissuti all’infanzia.
  1. Palazzo Davanzati
    Per avere un senso dell’interno della casa di un mercante, consiglio Palazzo Davanzati, ora il Museo della Casa Fiorentina Antica, che fornisce un vivido senso di Firenze com’era.
  1. Santissima Annunziata
    Leonardo prese residenza in questo complesso nel 1500 dopo essere fuggito da un’invasione francese di Milano. Il padre di Leonardo, che ha gestito le imprese commerciali della chiesa, potrebbe aver presentato il suo acclamato figlio a Francesco del Giocondo, che ha fornito lenzuola e prestiti occasionali ai frati. In seguito, Francesco acquistò una cripta di famiglia nella “cappella dei martiri”, proprio nel centro, dietro l’altare maggiore. Durante una visita, mi inginocchiai nel confessionale in cui la Gioconda poteva aver pregato.
  1. San Domenico di Cafaggio (ora il Centro Militare di Medicina Legale
    Circa la metà delle figlie di famiglie fiorentine che non potevano permettersi dote sono finite nei conventi – incluse due delle sorelle più giovani di Lisa, che hanno preso i voti in questo convento. Francesco e Lisa del Giocondo hanno messo la figlia maggiore in questo chiostro a 12 anni. Morì, forse di peste o di un’altra malattia infettiva, all’età di 19 anni.
  1. Officina Profuma-farmaceutica di Santa Maria Novella
    Un libro mastro documenta che Mona Lisa una volta acquistò una fiala di “acqua di chiocciola” distillata, usata sia come cosmetico sia come trattamento per le malattie del bronco e del digerito, da un farmacista del convento molto simile a questo. Fondato nel tredicesimo secolo, questo splendido negozio prepara una gamma di prodotti secondo le formule sviluppate ai tempi della Gioconda. I profumi attraenti sono una ragione sufficiente per visitare!
  1. Sant’Orsola
    A pochi passi dalla casa del Giocondo in Via della Stufa, Sant’Orsola fu un convento esclusivo per le figlie dell’élite di Firenze. La figlia più giovane della Monna Lisa entrò in questo convento da adolescente e prese i voti perpetui all’età di 22 anni. Dopo la morte del marito nel 1538, la Gioconda si trasferì a Sant’Orsola, che fornì vitto e alloggio per le vedove, e scelse di essere sepolta lì su di lei morte nel 1542.
    Oggi le squallide mura dell’enorme rovina urbana sono tappezzate di graffiti, manifesti e finestre murate. Tuttavia, gli sviluppatori promettono di ripristinare la facciata e far risorgere il complesso, forse come scuola di musica, insieme a un ristorante, un parcheggio, una libreria e un museo dedicato a Lisa Gherardini.
  1. Uffizi Gallery
    Qui puoi trovare l’Annunciazione e l’Adorazione dei Magi di Leonardo, insieme al Battesimo di Cristo di Verrocchio, che include un angelo di Leonardo.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*