×
natalia goncharova

Natalia Goncharova: arte russa a Palazzo Strozzi

Firenze è conosciuta per essere la culla del Rinascimento e questa denominazione è indiscutibile, ma la città che ha abbracciato così tanti artisti geniali, come Leonardo da Vinci e Michelangelo, è molto più che rinascimentale, è pluriculturale e cosmopolita, aperta a tutti i tipi di culture e, naturalmente, espressioni artistiche.

Fino al 12 gennaio, Firenze accoglie a braccia aperte la leader dell’avanguardia russa, Natalia Goncharova a Palazzo Strozzi, dove l’opera di una delle più emblematiche artiste del 20 ° secolo sarà esposta attraverso una grande retrospettiva. La sua vita e la sua carriera non convenzionali saranno presentate attraverso i suoi capolavori, portando i visitatori in un viaggio dalla campagna russa, a Mosca e Parigi.

La mostra ha 130 opere d’arte che creano una prospettiva della vita e della carriera di questa donna non convenzionale che viveva per la sua arte ed era in grado di unire Oriente e Occidente in un tempo in cui il mondo era diviso e molto più polarizzato di oggi.

Una donna e un’artista unica

Nata il 21 giugno 1881, Natalia Sergeevna Goncharova era una donna in anticipo sui tempi. All’età di 32 anni, è stata acclamata come la leader dell’avanguardia russa con una mostra a Mosca nel 1913. Con quasi 800 opere esposte, la sua ambizione, nella prefazione del catalogo della mostra è stata provocatoria ed emblematica: “Ho attraversato tutto ciò che l’Occidente può offrire al momento e tutto ciò che il mio paese ha assimilato dall’Occidente. Ora scuoto la polvere dai miei piedi e mi allontano dall’Ovest.” E così fece.

Goncharova si trasferì in Francia e visse a Parigi per il resto della sua vita. All’inizio, ha disegnato costumi e scenografie per il Balletto Russo di Sergei Diaghilev. Non passò molto tempo prima che diventasse una figura chiave nella scena artistica della città.

Tra dipinti religiosi monumentali e futuristiche body art esposte per le strade di Mosca – una vera sfida per l’epoca – Goncharova si è mossa attraverso l’arte in modo molto ampio. Ha preso parte al cinema d’avanguardia, ha progettato libri e lavorato per case di moda a Mosca e Parigi. È stata la prima donna ad aver esposto dipinti di nudi in Russia e per questo processata, prima donna ad essere accusata di blasfemia.

Un’artista che ha trasceso i movimenti artistici del 20 ° secolo con il suo lavoro audace e innovativo.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*