×
ribollita

Ricetta tipica toscana: La Ribollita

La ribollita è, senza dubbio, uno dei piatti più tipici della Toscana, trattasi di una zuppa semi-solida preparata con pane raffermo, cavolo nero e fagioli, molto diffusa a Firenze. Le sue origini sono molto antiche e simbolizzano la tradizione gastronomica toscana, d’origine povera e contadina. Vuoi imparare come farla? Il nostro chef Carlos Curasma condivide la sua ricetta.

LA RIBOLLITA (per 6 persone)

Ingredienti:

Pane toscano raffermo: g. 400

Fagioli bianchi cannellini secchi: g 400

Cavolo nero: g 400

Cavolo verza (mezza palla): g 700

Bietola in foglia: g 300

2 patate medie

1 cucchiaio di conserva (o g 300 di pelati)

Pepolino (timo)

Odori (1 cipolla, 2 spicchi d’aglio, 2 gambi di sedano, 2 carote)

Olio extravergine d’oliva

Sale e pepe nero

Preparazione:

Cuocete i fagioli messi a mollo la sera prima in 2 litri di acqua fredda leggermente salata, passatene circa i ¾ e rimettete la purea così ottenuta nel brodo di cottura.

In un largo tegame fate rosolare, in 8 cucchiai d’olio, la cipolla e l’aglio tritati, appena appassiscono unite un po’ di pepolino (non molto), le carote e il sedano a fettine. Dopo poco aggiungete le patate e le restanti verdure pulite, lavate e tagliate a pezzetti; unite anche la conserva diluita in poca acqua calda (o i pelati), salate e fate stufare per alcuni minuti. Versate quindi tutta la broda dei fagioli e fate cuocere piano per circa un’ora, aggiungendo acqua, qualora dovesse occorrere. Alla fine, unite anche i fagioli interi. Tagliate il pane a fettine sottili e mettetele nella zuppa, girate bene, cuocete per pochi minuti e togliete dal fuoco. Lasciate riposare a lungo (anche una notte), poi “ribollite” per alcuni minuti, aggiungendo poco olio. Servitela calda o tiepida, con un filo d’olio a crudo e pepe appena macinato e assolutamente senza formaggio.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*