×
florentine museums reopened

I musei fiorentini sono riaperti!

A poco a poco la vita a Firenze ritorna alla normalità, anche se il nuovo “normale” è diverso da quello a cui eravamo abituati prima della pandemia. La città rimane attenta alla sicurezza dei residenti e dei turisti, ma ora molti dei suoi musei sono aperti, seguendo tutte le raccomandazioni dell’OMS per prevenire il covid-19.

Pertanto, le mascherine sono obbligatorie, nonché il rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro. Le temperature possono essere rilevate attraverso il thermoscanner all’ingresso, è obbligatorio l’uso di alcool gel per le mani e l’accesso è contingentato. Scopri i musei fiorentini che hanno già ripreso le loro attività!

Galleria degli Uffizi

Considerato il museo più antico del mondo, la Galleria degli Uffizi fu costruita per ospitare l’amministrazione comunale di Firenze dal 1560. L’edificio diventò un museo solo nel 1584, quando le opere della Tribuna, una sala ottagonale progettata per essere un’allegoria dell’universo furono terminati. Fino ad oggi, il suo soffitto di vetro ricorda l’aria; la cupola in madreperla rappresenta l’acqua; le pareti rosse, il fuoco; e il terreno di pietre semipreziose, la terra.

La costruzione della Tribuna fu commissionata dal duca Francesco I, figlio di Cosimo I, fondatore della dinastia dei Medici, per esporre le opere acquistate dalla famiglia. I Medici, infatti, erano i grandi mecenati degli artisti del Rinascimento che, mescolando temi religiosi e mitologia, ritraevano l’uomo al centro dell’Universo e come il signore della sua volontà.

L’interesse e gli investimenti dei Medici in questo furore artistico trasformarono la città nella culla del Rinascimento e gli Uffizi in uno degli edifici più importanti in Europa e nel mondo.

Palazzo Pitti

Non c’è modo di passare per Palazzo Pitti e non notare la sua grandezza, degna del potere e della forza della famiglia Medici, che governò Firenze per quasi 300 anni. Il palazzo non fu fatto per la famiglia, però: il progetto di Filippo Brunelleschi fu costruito nel 1440 per il commerciante Luca Pitti. A quel tempo, l’edificio non era sontuoso come lo è oggi. Aveva solo tre grandi porte e una doppia fila di sette finestre sulla facciata.

Dopo la morte di Luca Pitti, il palazzo fu acquistato nel 1549 da Eleonora di Toledo, moglie di Cosimo I de ‘Medici come residenza cerimoniale. Il fronte principale fu ampliato da Bartolomeo Ammannati e i giardini di Boboli furono creati per diventare il modello per i palazzi reali in tutta Europa.

La volontà dei Medici di mostrare il loro potere era persino più grande della loro ostinazione a ottenere il potere, motivo per cui volevano non solo il più grande palazzo di tutti, ma anche circondarsi dei migliori artisti di quel periodo e delle loro opere d’arte. Il palazzo fu arricchito con sale barocche e divenne la residenza principale per il re d’Italia.

Tutto questo sfarzo e circostanza causarono inimicizie, e i Medici trovarono che era meglio prevedere possibili attacchi dell’opinione pubblica, non solo verbale, ma anche alla loro integrità fisica. Li è sembrata un’ottima idea avere un corridoio che collegasse il Palazzo Pitti al Palazzo Vecchio – il Municipio. Così, il Corridoio Vasariano fu progettato e costruito, permettendo alla famiglia Medici di spostarsi liberamente e senza rischi da casa al lavoro.

Il complesso del Duomo

Il Duomo fu iniziato nel 1296 da Arnolfo di Cambio per conto della Repubblica. Alla morte di Arnolfo nel 1303, Giotto proseguì i lavori fino alla sua morte, avvenuta nel 1337. Successivamente la costruzione fu interrotta e ricominciata da Talenti e Brunelleschi. Infatti, solo nel 1436 Papa Eugenio IV consacrò la Cattedrale con una solenne cerimonia dedicata a S. Maria del Fiore.

Puoi trovare le statue di questo architetto fuori a destra della cattedrale. L’esterno è ricoperto da un mix decorativo di marmo rosa, bianco e verde. L’interno, al contrario, è piuttosto netto e semplice, dove i pavimenti a mosaico sono il biglietto da visita. La più grande opera d’arte all’interno della cattedrale sono gli affreschi del Giudizio Universale di Giorgio Vasari (1572-9): sono stati progettati dal Vasari ma dipinti principalmente dal suo allievo meno talentuoso Frederico Zuccari nel 1579.

Il Battistero

Precedentemente la Basilica di San Giovanni (XI secolo), è veramente un edificio di grande importanza storica e artistica, dove venivano celebrate le cerimonie più rappresentative della città, come la festa del Patrono San Giovanni, e dove erano ricevuti per la prima volta nuovi ambasciatori. Ricco di opere d’arte, l’edificio a forma di ottagono è uno dei più originali della città. Il Battistero rimase in uso fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Molti personaggi famosi, tra cui Dante, furono battezzati lì.

La cupola della cattedrale

Il Duomo fu costruito tra il 1420 e il 1434 dal Brunelleschi. La terrazza del suo meraviglioso capolavoro (altezza 114 metri) offre una vista panoramica incomparabile della città e dei suoi dintorni. Sullo sfondo, il campanile di Giotto.

Il campanile di Giotto

Il campanile (altezza 84 metri) fu iniziato da Giotto nel 1334, su richiesta della Signoria. Dopo la morte di Giotto nel 1337, la costruzione fu portata avanti da Pisano e successivamente completata da Talenti (1359). Questo campanile è interamente decorato con esagoni e romboidi e nicchie con statue di profeti e sbilanci (gli originali si trovano nel Museo dell’Opera del Duomo). I bassorilievi inferiori rappresentano “La vita dell’uomo nella creazione e nelle arti umane”; quelli sopra rappresentano i pianeti, le virtù, le arti liberali e i sacramenti.

Galleria dell’Accademia

Progettato nel 1781 da Gaspare Maria Paoletti, fa parte del complesso che comprende anche la Chiesa e il Museo di San Marco, l’Opificio delle Pietre Dure e il Museo degli Strumenti Musicali. È stato concepito da Pietro Leopoldo per facilitare lo studio degli studenti di Belle Arti.

L’opera più importante della Galleria è il David, di Michelangelo, che precedentemente si trovava in Piazza della Signoria. Nelle altre sale, ci sono il modello in gesso della statua “Il Ratto delle Sabine”, di Giambologna, i “Prigioni”, di Michelangelo, e diverse opere appartenenti alla scuola di Michelangelo.

Cappelle Medicee

Le Cappelle Medicee rappresentano il luogo di sepoltura della Famiglia Medici e sono state costruite all’interno di alcune sale appartenenti alla chiesa di San Lorenzo.

Il museo è composto da due sale principali:

– La Nuova Sagrestia – realizzata da Michelangelo tra il 1520 e il 1524, ha tra i suoi monumentali sepolcri, quelli di Lorenzo e Giuliano de ‘Medici.

– La Cappella dei Principi – progettata da Buontalenti, che fu costruita per ospitare i resti mortali dei Granduchi Medici.

All’interno del museo ci sono diversi oggetti che costituiscono il prezioso tesoro della Chiesa di San Lorenzo.

Consiglio: la scultura in marmo bianco Notte, una delle opere più belle di Michelangelo, poggia sulla tomba di Giuliano de ‘Medici.

Palazzo Davanzati

Facciamo un viaggio nelle tradizioni degli antichi mercanti, i pasti medievali, la vita domestica e il matrimonio nel XVI secolo? Visitare Palazzo Davanzati è un tuffo nella cultura della storia fiorentina, soprattutto per quanto riguarda la vita domestica, perché ogni piano presenta spazi dedicati alla vita privata della famiglia di Bernardo Davanzati, un commerciante di successo, nonché un famoso storico e intellettuale.

Conosciuto anche come Museo della storica casa fiorentina (Museo della Casa Fiorentina Antica), fu inaugurato come museo statale nel 1956, ma fu costruito secoli prima, a metà del 1300, ed era abitato dalla famiglia Davanzati dalla fine del XVI secolo fino al 1838, anno della tragica morte dell’ultimo erede della famiglia, Carlo.

Le pareti delle sale principali e le splendide camere da letto sono state decorate con affreschi e in inverno coperte da arazzi per mantenere il calore. Oggi Palazzo Davanzati ospita una collezione diversificata di sculture, dipinti, mobili, ceramiche, pizzi e oggetti storici del quotidiano uso.

Orsanmichele

L’edificio del XIII secolo era l’Oratorio di San Michele: questa è l’origine del nome “Orsanmichele”.

Divenne un luogo di culto nel XV secolo, quando fu trasformato nella chiesa che rappresentava le Arti e le Corporazioni che commissionarono le statue per le edicole esterne dedicate ai santi patroni.

Successivamente furono collocati nel museo al primo e al secondo piano e sostituiti da copie.

Palazzo Vecchio

Era il 1299 quando Palazzo Vecchio fu progettato da Arnofo di Cambio per fungere da fortezza, per proteggere la Signoria da manifestazioni popolari e rivolte, e iniziò a essere sollevato. Nel 1314, fu completato con la sua architettura in stile gotico e una torre elegante, slanciata e merlata alta 94 metri. Palazzo Vecchio è collegato a Palazzo Pitti dal Corridoio Vasariano, un passaggio chiuso sopraelevato costruito da Giorgio Vasari nel 1565 per ordine di Cosimo I de ‘Medici, al fine di consentire ai Granduchi di spostarsi liberamente e in sicurezza dalla loro residenza al palazzo del governo e viceversa.

Museo del Novecento

Inaugurato il 24 giugno 2014, il Museo Novecento è dedicato all’arte del secolo XX, presentando una selezione di opere delle collezioni civiche incentrate sull’arte italiana della prima metà del periodo.

Museo Bardini

Il Museo prende il nome dal suo creatore Stefano Bardini (1836-1922), uno dei più autorevoli commercianti di antiquariato italiani, che dopo anni di intensa attività commerciale decise di trasformare la sua collezione in un museo e di donarla al Comune di Firenze.

Santa Maria Novella

Fu iniziato dagli architetti Frati Sisto e Ristoro nel 1246 e terminato da Jacopo Talenti nel 1360. L’interno, in stile gotico-romano, è diviso in una navata e due navate. Il campanile risale al secolo XIV. Una volta lì, non andartene senza visitare i magnifici chiostri del XIII secolo, a sinistra della Chiesa.

Forte Belvedere

Uno dei panorami più magnifici di Firenze, sicuramente, è quello offerto dal Forte Belvedere a coloro che visitano questo fantastico museo. Ma ci sono molte altre ragioni per visitarla, a cominciare dall’architettura del XVI secolo creata da Bernardo Buontalenti, Giovanni dei Medici e l’Amannati per ordine di Ferdinando I dei Medici.

È un superbo esempio di architettura militare della fine del XVI secolo. Tra le sue caratteristiche principali, non esiste una torre alta, come al solito nelle fortificazioni medievali. La pianta è poligonale, il che significa che le pareti non hanno merli o massicci per resistere all’impatto dell’artiglieria nemica. Gli angoli ampi e sporgenti sono fatti in questo modo per contenere l’artiglieria, permettendo la difesa di ogni lato della fortezza a terra.

Fu costruito in cima al Giardino di Boboli per proteggere l’Oltrarno e la residenza medicea di Palazzo Pitti, e per secoli il Forte di Belvedere ha svolto la sua funzione militare, senza tuttavia subire attacchi né esterni né interni. La funzionalità strategica difensiva terminò nel 1954, quando la proprietà fu trasferita al dominio civile.

Oggi il Forte di Belvedere non è solo un set storico pieno di ricordi di Firenze e con una vista meravigliosa sulla città, ma è diventato anche un centro espositivo, dove si svolgono eventi memorabili.

Palazzo Medici Riccardi

Il primo palazzo mediceo, la dimora di Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico e il luogo di lavoro di Donatello, Michelangelo, Paolo Uccello, Benozzo Gozzoli e Botticelli. La casa del Rinascimento, il suo luogo di nascita.

Museo di San Marco

Si trova all’interno dell’ex convento dei frati domenicani, restaurato e ampliato da Michelozzo su commissione di Cosimo il Vecchio de ‘Medici.

Oltre alle opere di Angelico, il museo ospita una magnifica “Ultima Cena” affrescata dal Ghirlandaio alla fine del XVI secolo e, nella Biblioteca, una raffinata collezione di libri appartenenti all’Illuminismo.

Nelle cantine sono esposte preziose reliquie e una rara collezione di campane.

Palazzo Strozzi

A pochi passi dall’Antica Torre Tornabuoni, Palazzo Strozzi è uno dei migliori esempi di architettura domestica rinascimentale. Nessuno conosce il nome dell’architetto che ha realizzato il progetto, ma è noto che sia Benedetto da Maiano che Giuliano da Sangallo hanno fornito un modello.

La prima pietra fu posata nel 1489, per volere di Filippo Strozzi, ma l’edificio fu terminato solo nel 1538. Il palazzo rimase di proprietà della famiglia Strozzi fino al 1937, e dal 1999 è stato gestito Comune di Firenze.

Fino al 1° novembre la mostra “Tomás Saraceno. Aria”, rimarrà aperta.

Museo degli Innocenti

Questo è sicuramente un museo molto diverso da quello che ti aspetteresti di trovare a Firenze. Il Museo degli Innocenti ha riaperto le sue porte nel 2016 dopo tre anni di lavori, ed è cambiato molto – in meglio!

Ma il restauro non ha portato via la storia del luogo, che risale al secolo XV.

Gli spazi architettonici, creati da Brunelleschi, sono notevoli. Anche i capolavori, in particolare quelli di Botticelli e Domenico Ghirlandaio.

Museo Galileo

Situato in Piazza dei Giudici, nell’antico Palazzo Castellani, il Museo Galileo conserva una delle più importanti collezioni di strumenti scientifici e apparati sperimentali al mondo – più di mille!

I visitatori possono vedere alcuni effetti personali dello scienziato pisano, come due telescopi e l’obiettivo del telescopio che hanno permesso di osservare i satelliti di Giove. Passeggiando per le molte stanze all’interno dell’edificio, si può fare un viaggio seguendo le scoperte dell’astronomia, la misurazione del tempo, la scienza della guerra, la chimica … Tutto questo in un modo molto interattivo.

Non perderti la meridiana monumentale fuori dal museo! È uno strumento di misurazione del tempo costituito da uno stile che lancia un’ombra su un quadrante. Per leggere l’ora e la data, devi identificare le linee dell’ora e le linee calendari più vicine all’ombra dello gnomone. La data può essere letta anche facendo riferimento ai segni zodiacali e all’inizio dei mesi segnati lungo la linea del meridiano.

Raccomandiamo vivamente di controllare gli orari di apertura di tutti i musei citati e di prenotare in anticipo.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*